Tag Archives: Haircare

Preferiti 2010

10 Gen

Questa volta, invece di fare un “preferiti del mese” farò un “preferiti dell’anno” che si è appena concluso nominando i prodotti per categoria: capelli, makeup, cura del viso. E… iniziamo!

PREFERITI

Capelli

Shampoo: Linea Gabbiano Esselunga – Shampoo per capelli Delicati
Una rivelazione. Da quando ho abbandonato i siliconi ho “adottato” questo shampoo e mi trovo veramente bene… capelli puliti per due giorni interi, lucidi e sani, ed il profumo è quello di tiglio… veramente buono!

Balsamo: Balsamo Splend’Or al cocco
Anche questo, completamente privo di siliconi. Mi lascia i capelli pettinabili, morbidi e profumatissimi. Perfetto anche per fare il Co-Wash, che è una manna per chi come me è costretta a lavare i capelli 3 volte a settimana.

Anti-heat ed impacco: Olio di semi di lino dei Provenzali
Un prodotto dai mille impieghi, io lo uso prima di asciugare i capelli sulle punte per non stressarle col calore del phon e una volta a settimana come impacco pre-shampoo, tenendolo in impacco per una mezz’ora / un’ora. I capelli sono visibilmente più sani e nutriti

Hennè: Hennè nero fumo de Shiraz
Lo uso per dare un tono più scuro ai miei capelli e sopratutto per nutrirli ed ingrossarli. Rimando, per questo, al mio post sull’ Hennè di qualche tempo fa che è decisamente esaustivo ^^

Makeup
Occhi:


  • Ombretti Kiko 124 “Tortora Scuro Perlato” e 125 “Marrone Grigio Perlato”
    Ombretti “revamp”, nel senso che la Kiko a metà estate ha smaltito i vecchi ombretti mono sostituendoli con altri di nuova formulazione molto più resistenti, pigmentati e stendibili. Personalmente, in questa nuova formulazione, li ho trovati davvero ottimi, decisamente comparabili ai MAC. Quanto ai colori, beh, io trovo il color talpa molto elegante ed adatto a tutte le occasioni quindi con questi due mi sono trovata decisamente bene!
  • Ombretti MAC “Satin Taupe”, “Nocturnelle” e “Club”
    Se non fosse per il costo proibitivo, svaligerei un intero corner MAC. Comparati ai nuovi ombretti Kiko, io trovo che la qualità sia pressochè la stessa (non me ne vogliano le MAC-addicted) ma a favore di MAC gioca una cosa: la prticolarità e la varietà di colori. Questi tre (un talpa, un viola a sottotono rosso e un duo-chrome marrone/verde) sono colori molto particolari, e fino a che Kiko non è uscita con la nuova formulazione die mono io non avevo trovato un color talpa da nessuna parte, il viola è comparabile solo ad uno L’Oreal che però mi causava un’allergia terribile ed il duo-chrome è invece decisamente unico!
  • Primer occhi minerale E.L.F.
    Francamente, è il primo Primer per occhi che provo. Prima utilizzavo il correttore ma era decisamente troppo grasso, e non aveva la stessa tenuta del primer. Non avendo termini di paragone, con questo primer mi trovo molto bene: non mi crea pieghette, l’ombretto mi dura tranquillamente tutta la giornata ed è assolutamente non unto. Inoltre, costa pochissimo, e questo gioca decisamente a suo favore 😛
  • Matita occhi Kajal Kiko
    Scurissima, morbidissima, sfumabilissima e resiste tutto il giorno sulla rima superiore, va ripassata una volta invece sulla rima interna. Comunque, la migliora provata fin’ora.
  • Mascara Max Factor False Lash Effect
    Versione Europea del Lash blast della covergirl fa tutto quel che dovrebbe fare un mascara: allunga, incurva, infoltisce. Che si vuole di più?

Viso:

  • Fondotinta All Day Mat di Kiko
    Ottimo prodotto: colore perfetto (ha la versione sia per sottotoni gialli che rosati), ottima tenuta (10 ore senza metteci mano), non fa l’effetto “faccia-da-torta” orribile, si stende e si sfuma bene. Non comedogenico, studiato per pelli da normali a grasse.
  • Blush Sun Club di Essence
    In teoria, un all-over, io lo uso mischiando tutti i colori come blush ed usando solo il più chiaro come highlighter. Sulla mia pelle risulta in un bel colore bronzo-pescato, leggermente shimmer ma discreto. L’ho usato soprattutto in estate perchè nei mesi freddi preferisco un colore tendente al rosa, sulla mia pelle risulta in un bel color bronzo-pescato (io uso la tonalità 01 – Blondes nonostante sia mora perchè quello per more era decisamente troppo scuro… praticamente una terra!).
  • Blush 105 Kiko
    Un rosa malva opaco, adattissimo per me nei mesi freddi, mi dona quel colore sano che mi riscuote dal pallore effetto malaticcio che madre natura mi ha donato per incarnato. Siccome preferisco un effetto shimmer, sopra passo un velo di polvere dorata che lascia un discretissimo velo scintillante (no, niente effetto albero di natale per fortuna :p). Unica accortezza: prenderne un VELO sul pennello, perchè è molto pigmentato e se non dosato bene si rischia l’effetto Heidi.

Labbra:

  • Rossetto Kiko Creamy Lipstick n°388 “Rosso Vino”
    Per quanto la Kiko pretenda di spacciarlo per un rosso vino, questo è invece un bel color malva, nè troppo scuro nè troppo chiaro, lucido. Da solo, lo preferisco per la sera, con un gloss rosato sopra mi piace anche per il giorno. Non troppo impegnativo, lascia le labbra morbide ed idratate.
  • Rossetto L’Oreal Colour Riche n°361 “Fatal Crystal”
    Color prugna lucido e con piccoli glitterini, molto bello ma un pò impegnativo, lo uso principalmente la sera. Non secca affatto le labbra e le lascia abbastanza morbide.

Cura del viso:

Per quanto riguarda questa categoria, metto tra i preferiti solo la crema viso che è la crema viso Bottega Verde “Linea Bioecologica” crema viso giorno con estratto di Stella alpina e olio di Mandorle dolci perchè per quanto riguarda struccante e detergente onestamente non ho trovato niente di particolarmente rimarcabile (ho in programma di fare un ordine dalla Liz Earle che sembra avere prodotti decisamente buoni e vedremo sul momento se mi stupiranno ^^) e come tonico uso semplicemente l’acqua termale Avene vaporizzata sul viso.
La crema mi ha decisamente soddisfatta: è nutriente, si stende bene anche se nel barattolino appare piuttosto solido e non unge la pelle, in più il profumo mi piace tantissimo. Io che ho una pelle mista devo solo fare attenzione a due cose: non stenderne troppa (altrimenti la pelle mi sputa fuori l’eccesso :|) e stenderla in un momento in cui non rischio di accaldarmi o sudare subito dopo (altrimenti, stesso effetto di sopra… solo che mi ributta fuori la crema stessa e dopo devo riapplicarla perchè la pelle non l’ha assorbita).

E per l’anno che si è da poco concluso, questo è tutto… spero di non avervi annoiata troppo e di essere stata almeno un pochino interessante :p
Buona serata!

Henne: come lo faccio io

20 Dic

Tempo fa, quando scrissi il post sulla cura dei capelli, accennai all’impacco di henne che faccio una volta al mese, dicendo che avrei spiegato la cosa in un post a parte… ed eccolo qua ^^

Intanto, che cos’è l’henne? L’hennè è una polvere ricavata da una pianta (henne rosso: lawsonia inermis o alba; hennè nero: indigofera tinctoria o argentea; henne neutro: cassia obovata o italica) che, mescolata ad altre sostanze liquide, crea una pasta che va poi stesa sui capelli e che usata come impacco colora, dà volume, lucentezza e morbidezza, li protegge dalle aggressioni esterne e li nutre favorendo la crescita degli stessi. L’henne neutro (cassia obovata) non colora i capelli ma mantiene comunque tutte le proprietà sopra elencate.
Non va confuso con le tinture alle erbe, che non sono al 100% naturali e possono contenere elementi chimici; l’henne è al 100% vegetale in quanto si tratta di foglie essiccate e tritate fino a renderle polvere.
Se i capelli sono stati in precedenza colorati chimicamente, è necessario scegliere un henne che non contenga picramati (fanno virare il colore al verde) o aspettare almeno 2-3 mesi dall’ultima tintura chimica.

Io uso l’Indigo (chiamato anche appunto henne nero) in quanto sono castana scura di base e non voglio cambiare radicalmente il colore dei miei capelli usando un rosso, ma voglio scurirli e nutrirli. Personalmente preferisco comprarlo in barattolo, non sfuso dall’erborista, in quanto sul barattolo viene riportata data di produzione e di scadenza (se è stato triturato da molto tempo e quindi risulta un pò “vecchio” perde molto del potere nutriente e colorante) e quindi non rischio di ritrovarmi con un prodotto non “fresco”.

Occorrente:

  • una ciotola di plastica, ceramica o vetro (non usare mai materiali metallici perchè fanno ossidare la pasta di henne)
  • cucchiaio di plastica o legno
  • acqua distillata
  • sale (un cucchiaio a bicchiere. Io uso circa 2-3 bicchieri di acqua, quindi almeno 2-3 cucchiai di sale fino)
  • polvere di Indigofera Argentea (da pesare in base alla lunghezza del capello. A me arrivano a metà schiena e uno 150g di polvere di henne)
  • pellicola trasparente (mai usare l’alluminio, sempre perchè provoca ossidazione)
  • guanti
  • un vecchio asciugamano

Come preparare l’henne:

Si versa la polvere nella ciotola aggiungendo piano piano l’acqua mescolata al sale (l’henne nero rilascia colore in ambiente basico, ecco perchè aggiungere sale) fino ad ottenere un impasto di consistenza simile allo yogurt. C’è chi aggiunge miele e yogurt per nutrire ulteriormente il capello; io non lo faccio in quanto ho i capelli tendenti al grasso e non mi dispiace l’effetto leggermente asciugante dell’henne, in più secondo me sono due elementi acidi che non vanno d’accordo con l’ambiente basico necessario all’Indigo.
Una volta raggiunta la giusta consistenza, si lascia riposare la pasta ottenuta per 20 minuti (tempo di ossidazione in cui sprigiona il colore) coperta dalla pellicola trasparente e poi si stende sui capelli come una normale tintura. La si tiene quindi in posa 3-4 ore con la testa avvolta nella pellicola e coperta dall’asciugamano.

(le ultime due foto riprendono la pasta alla fine del “mescolamento” e dopo 20 minuti di ossidazione)

Accortezze:

  • usate sempre guanti per proteggervi le mani al momento della stesura, vestiti che potete macchiare, coprite il piano di lavoro con un asciugamano (se ve lo date in bagno: l’henne viene via senza macchiare dalla ceramica, ma vi sconsiglio caldamente di stenderlo senza precauzioni su altri materiali perchè altrimenti vi ritroverete con un piano dalmata perenne). L’henne macchia in una maniera spaventosa. Se durante la stesura vi macchiate fronte, collo o orecchie pulite immediatamente la parte, altrimenti vi rimarrà la macchia per diversi giorni.
  • Per fare l’henne dovete avere i capelli rigorosamente puliti. L’henne va a ricoprire il capello con una patina (a differenza delle tinture chimiche che si impolpano nel fusto e per questo vanno a sciupare le fibre del capello) e l’olio naturale della cute impedisce questo procedimento, rendendo nullo l’impacco. Io lavo sempre i capelli e li asciugo nei 20 minuti che devo aspettare perchè l’henne si ossidi.
  • Teoricamente, l’henne ha di per sè un potere lavante, quindi terminato l’impacco sarebbe sufficiente sciaquare ed asciugare i capelli. Personalmente, necessito sempre di uno shampoo per togliere tutti i residui perchè i capelli altrimenti rimangono pieni di grumi di pappetta e di nodi…
  • Se avete capelli bianchi e volete tingerli di nero con l’henne, è necessario prima fare un impacco di henne rosso e subito dopo uno di henne nero. L’henne nero non tinge i capelli bianchi (o li tinge di indaco) e per evitare questo inconveniente serve fare il doppio impacco con l’henne rosso, che invece tinge immediatamente i capelli bianchi.
  • L’efficacia della colorazione non è uguale per tutti: varia in base alla quantità di henne usato, alla qualità della polvere e alla porosità del capello. L’unica cosa da fare è provare =)
  • Armatevi di calma e pazienza. L’henne fa davvero bene ai capelli, i miei sono letteralmente rinati, ma ha una preparazione ed una posa decisamente lunghe rispetto alle normali tinture chimiche. Fatelo in un giorno della settimana in cui potete rilassarvi e prendervi almeno mezza giornata per voi stesse! ^^

Differenze tra henne nero ed henne rosso:

  • L’henne nero ha bisogno di soli 20 minuti per ossidare, a differenza dell’henne rosso che necessita di almeno 12 ore di ossidazione. Per questo, è consigliabile preparare l’henne rosso almeno la sera prima di stenderlo, mentre l’henne nero può essere tranquillamente preparato poco prima della stesura.
  • Anche i tempi di posa differiscono: io con 3 ore di posa per l’henne nero riesco ad ottenere un colore intenso; il rosso, avendo più sfumature, varia di posa a seconda dell’intensità che si vuole ottenere: per un rosso irlandese bastano due ore, per un rosso più carico va almeno raddoppiato il tempo.

Questo è il risultato finale sui miei capelli:

Cura dei capelli

14 Nov

Ecco il post sulla cura dei capelli^^

A settembre 2009 mi sono accorta che perdevo una marea di capelli, mi si erano molto sfibrati e sfoltiti e, terrorizzata dall’idea di una calvizie incipiente, sono corsa ai ripari iniziando a curarli e coccolarli in maniera più accurata.
Ad un anno di distanza, sebbene alcuni danni siano ormai credo irreparabili (non penso proprio tornerò ad avere una testa da leonessa come una volta, anche se comunque sono più folti di prima) noto che i miei capelli sono decisamente migliorati… morbidi, più forti, lucenti, meno doppie punte, molta meno caduta.

Questo risultato l’ho ottenuto abbandonando il più possibile prodotti chimici a favore di prodotti con inci (elenco degli ingredienti) più verde e naturale possibile. Con l’abolizione dei siliconi per esempio i miei capelli, misti, si sono depurati ed ora rimangono almeno un giorno in più puliti (certo, se nasci tondo non puoi morir quadrato, quindi non posso pretendere che i capelli mi diventino secchi… rimangono capelli con cute tendente al grasso e punte secche e quindi difficilmente resisteranno più di tre giorni decenti senza shampoo) ed hanno acquisito una lucentezza tutta nuova.

Ma cominciamo a descrivere la mia routine per la cura dei capelli.

  1. Una volta a settimana faccio un impacco pre-shampoo con l’olio di semi di lino dei Provenzali tenuto in posa per almeno un’ora su tutte le lunghezze senza toccare la cute. Applico tre spruzzi di prodotto sulle lunghezze pettinandole dopo l’applicazione e poi li raccolgo con una pinza.
  2. Dopodichè lavo i capelli con lo Shampoo per Capelli Delicati dell’Esselunga (linea gabbiano). Generalmente faccio due shampoo, massaggiando bene la cute al primo shampoo ed in maniera più delicata e blanda col secondo. Diventano due massaggi energici nel caso abbia fatto l’impacco pre shampoo con l’olio. Sciacquo poi accuratamente.
  3. Applico, sempre solo sulle lunghezze, il balsamo Splend’Or al Cocco e poi lo risciacquo, inizialmente pettinando delicatamente i capelli con un pettine a denti larghi sotto l’acqua e poi solo sciaquandoli, per due minuti.
  4. Tampono i capelli con l’asciugamano, faccio la divisa e li pettino sempre con un pettine a denti larghi. A volte applico una spruzzata di olio di semi di lino solo sulle punte per evitare le doppie punte.
  5. Passo all’asciugatura con il phon senza beccuccio tenendolo piuttosto distante, con i capelli a testa in giù e spazzolandoli ogni tanto.

Ogni mese, poi, faccio l’henne indigo sui capelli. In merito all’henne farò poi un post apposito perchè il discorso sarebbe troppo lungo :p

Queste sono le foto dei prodotti, nell’ordine, che uso per la cura dei capelli ^^

E questa è la foto dei miei capelli adesso (scusate la mancanza di luce naturale, ma fuori diluvia :p appena c’è luce fuori ne farò una anche con luce naturale =) )

P.S. Si, ci vedete bene: come lampada ho un fanale di una Chevrolet Matiz :p

Prodotti si luglio-agosto 2010

20 Set

Salve a tutti!
Oggi post con i preferiti di luglio-agosto ^^

Ombretti MAC – Satin Taupe, Nocturnelle e Club

In merito, vi rimando direttamente al post apposito poco sopra ^^ Che dire… ottima stendibilità e tenuta, bellissimi colori e molto pigmentati. Promossi a pieni voti!

Ombretto Kiko n°20 Colour Sphere

Un bel color talpa shimmer (moooolto shimmer). Ottimo da usare tutti i giorni perchè è un colore molto delicato ed adatto ad ogni outfit. Unica pecca: va usato bagnato altrimenti non rende al 100%.

Essence Metal Glam n°01 Gotta Have


Bellissimo ombretto in crema metallizzato (c’è anche nelle colorazioni viola, verde e argento, io ho solo quello marrone); costa poco, è molto scrivente, non fa pieghette ed è ottimo anche come base per un trucco neutro.

L’Oreal Glam Shine 6h n°115 “Watermelon Fanatic” e L’Oreal Colour Riche n°361 “Fatal Crystal”


Non comprando più Avon (i prodotti mi piacciono ma non ho assolutamente voglia di avere a scadenza fissa una presentatrice in giro per casa -.- ) avevo bisogno di un gloss che sostituisse un gloss preso appunto alla Avon color rosa-pescato… era però un colore piuttosto particolare che non ero riuscita a trovare da nessuna parte… fino alla scorsa settimana! Andando in profumeria per cercare un rossetto rosso-prugna ho trovato questo gloss della L’Oreal che è quasi identico a quello della Avon! Il mio vecchio gloss è più satin mentre questo è molto più glitterato, ma più o meno ci siamo!
Per quanto0 riguarda il rossetto rosso-prugna, l’ho finalmente trovato sempre in un rossetto L’Oreal… il Colour Riche numero 361.
Ne avevo uno simile svariati anni fa ma è veramente una vita che è aperto e non mi azzardo più a metterlo sulle labbra (non vorrei ritrovarmi con una reazione allergica da pronto soccorso :p) e mi piaceva invece averne uno di questo colore per l’autunno-inverno =)

Olio Semi di Lino dei Provenzali

Olio ristrutturante per capelli dai molteplici usi… leggo ed elenco dalla scatola:
– come trattamento di bellezza: vaporizzandone sui capelli puliti, ancora bagnati, i capelli così trattati non vanno risciacquati.
– come volumizzante protettivo: utilizzare sui capelli puliti e asciutti. Dona volume e lucentezza e protegge i capelli da smog e agenti atmosferici.
– come impacco antiforfora: va frizionato sulla cute, lasciato agire per una mezz’ora e poi bisogna procedere col normale lavaggio. Regola la produzione sebacea normalizzando il cuoio capelluto.
– come maschera capelli ristrutturante: se ne mette una buona quantità sulle punte e/o sulle lunghezze rovinate dei capelli e si lascia in posa per 20-30 minuti, poi si lavano i capelli come d’abitudine. Ridona energia ei capelli sfibrati e trattati da tinte e permanenti.

Non ho provato ad usarlo come antiforfora dato che per fortuna non la ho, ma per tutti gli altri usi l’ho trovato un ottimo prodotto… capelli lucenti e morbidissimi… utilizzato assieme a shampoo e balsamo naturali la mia chioma è rinata! Attenzione solo, se lo si usa come volumizzante, a spruzzarne una dose MASSIMO due sui capelli (io li ho lunghi fino a metà schiena) perchè altrimenti invece di volumizzare unge. Per questo utilizzo va spruzzato sulle mani che vanno poi velocemente passate sui capelli (a testa in giù), poi pettinare / spazzolare. L’odore non è eccelso, ma non è nemmeno un odore fastidioso o troppo forte.

Lacca volumizzante Testanera Taft

Si, si lo so… questo prodotto non è proprio il massimo del naturale… ma io ho i capelli lisci ed hanno davvero bisogno di volume. E questa lacca ne dà davvero tanto! Non secca e non appiccica, va via con un colpo di spazzola e volumizza sul serio…

E qua è tutto ^^
Un bacio a tutti =)

Prodotti si – Giugno 2010

21 Lug

Buongiorno!
Dopo il post inaugurale, iniziamo ad entrare nel vivo con… gli acquisti azzeccati del mese di giugno!
Siccome mi rimane sempre qualcosa attaccato alle mani, mi sembrava coerente con la mia personalità iniziare da qui 😛

Shampoo capelli delicati linea Gabbiano Esselunga


Ho scoperto questa linea di shampoo quando ho iniziato a dedicarmi all’ecobio per quanto riguarda la cura dei capelli (a settembre dello scorso anno mi sono accorta di averli molto stressati e di averne persi un bel pò, così ho iniziato a dedicar loro qualche attenzione in più ed a coccolarli). Dura parecchio un flacone, ha un odore non buonissimo se annusato dal flacone ma una volta applicato sotto la doccia diventa molto buono. Lascia i capelli idratati, morbidi e lucenti, anche a me che li lavo dalle 2 alle 3 volte a settimana, quindi promosso anche per i lavaggi frequenti.

Balsamo per capelli Wally al miele


Come sopra, scoperto dedicandomi all’ecobio. Profumo favoloso (sembra di annusare un barattolone di miele puro!), economico (non mi ricordo quanto costa, ma sicuramente meno di 4 euro… ed è davvero un barattolone capiente). Mi lascia i capelli morbidissimi, districati e voluminosi, oltre che profumatissimi di miele :p

Smalti Kiko: 224, 302, 300, 220, 223, 250


Offerta estiva smalti a 1,90€, ed io non ho saputo resistere! Mi piacciono molto gli smalti della Kiko… hanno secondo me una buona tenuta (mi durano su circa 4-5 giorni) ed una buona coprenza… e poi che colori!
Il 220 (ultimo della prima fila) per quanto bello mi ha un pochino deluso… nella foto sembra molto rosa invece è proprio un color carne. L’avevo preso per metterlo come base carne per una french, ma è troppo coprente… In ogni caso come nude non è niente male. Il mio preferito comunque rimane il 302 (viola, secondo della prima fila).

Ecco qua… so che non sono tantissimi, ma presto farò un’altra capatina nei negozi e vedremo che mi rimane attaccato di qui a luglio :p