Henne: come lo faccio io

20 Dic

Tempo fa, quando scrissi il post sulla cura dei capelli, accennai all’impacco di henne che faccio una volta al mese, dicendo che avrei spiegato la cosa in un post a parte… ed eccolo qua ^^

Intanto, che cos’è l’henne? L’hennè è una polvere ricavata da una pianta (henne rosso: lawsonia inermis o alba; hennè nero: indigofera tinctoria o argentea; henne neutro: cassia obovata o italica) che, mescolata ad altre sostanze liquide, crea una pasta che va poi stesa sui capelli e che usata come impacco colora, dà volume, lucentezza e morbidezza, li protegge dalle aggressioni esterne e li nutre favorendo la crescita degli stessi. L’henne neutro (cassia obovata) non colora i capelli ma mantiene comunque tutte le proprietà sopra elencate.
Non va confuso con le tinture alle erbe, che non sono al 100% naturali e possono contenere elementi chimici; l’henne è al 100% vegetale in quanto si tratta di foglie essiccate e tritate fino a renderle polvere.
Se i capelli sono stati in precedenza colorati chimicamente, è necessario scegliere un henne che non contenga picramati (fanno virare il colore al verde) o aspettare almeno 2-3 mesi dall’ultima tintura chimica.

Io uso l’Indigo (chiamato anche appunto henne nero) in quanto sono castana scura di base e non voglio cambiare radicalmente il colore dei miei capelli usando un rosso, ma voglio scurirli e nutrirli. Personalmente preferisco comprarlo in barattolo, non sfuso dall’erborista, in quanto sul barattolo viene riportata data di produzione e di scadenza (se è stato triturato da molto tempo e quindi risulta un pò “vecchio” perde molto del potere nutriente e colorante) e quindi non rischio di ritrovarmi con un prodotto non “fresco”.

Occorrente:

  • una ciotola di plastica, ceramica o vetro (non usare mai materiali metallici perchè fanno ossidare la pasta di henne)
  • cucchiaio di plastica o legno
  • acqua distillata
  • sale (un cucchiaio a bicchiere. Io uso circa 2-3 bicchieri di acqua, quindi almeno 2-3 cucchiai di sale fino)
  • polvere di Indigofera Argentea (da pesare in base alla lunghezza del capello. A me arrivano a metà schiena e uno 150g di polvere di henne)
  • pellicola trasparente (mai usare l’alluminio, sempre perchè provoca ossidazione)
  • guanti
  • un vecchio asciugamano

Come preparare l’henne:

Si versa la polvere nella ciotola aggiungendo piano piano l’acqua mescolata al sale (l’henne nero rilascia colore in ambiente basico, ecco perchè aggiungere sale) fino ad ottenere un impasto di consistenza simile allo yogurt. C’è chi aggiunge miele e yogurt per nutrire ulteriormente il capello; io non lo faccio in quanto ho i capelli tendenti al grasso e non mi dispiace l’effetto leggermente asciugante dell’henne, in più secondo me sono due elementi acidi che non vanno d’accordo con l’ambiente basico necessario all’Indigo.
Una volta raggiunta la giusta consistenza, si lascia riposare la pasta ottenuta per 20 minuti (tempo di ossidazione in cui sprigiona il colore) coperta dalla pellicola trasparente e poi si stende sui capelli come una normale tintura. La si tiene quindi in posa 3-4 ore con la testa avvolta nella pellicola e coperta dall’asciugamano.

(le ultime due foto riprendono la pasta alla fine del “mescolamento” e dopo 20 minuti di ossidazione)

Accortezze:

  • usate sempre guanti per proteggervi le mani al momento della stesura, vestiti che potete macchiare, coprite il piano di lavoro con un asciugamano (se ve lo date in bagno: l’henne viene via senza macchiare dalla ceramica, ma vi sconsiglio caldamente di stenderlo senza precauzioni su altri materiali perchè altrimenti vi ritroverete con un piano dalmata perenne). L’henne macchia in una maniera spaventosa. Se durante la stesura vi macchiate fronte, collo o orecchie pulite immediatamente la parte, altrimenti vi rimarrà la macchia per diversi giorni.
  • Per fare l’henne dovete avere i capelli rigorosamente puliti. L’henne va a ricoprire il capello con una patina (a differenza delle tinture chimiche che si impolpano nel fusto e per questo vanno a sciupare le fibre del capello) e l’olio naturale della cute impedisce questo procedimento, rendendo nullo l’impacco. Io lavo sempre i capelli e li asciugo nei 20 minuti che devo aspettare perchè l’henne si ossidi.
  • Teoricamente, l’henne ha di per sè un potere lavante, quindi terminato l’impacco sarebbe sufficiente sciaquare ed asciugare i capelli. Personalmente, necessito sempre di uno shampoo per togliere tutti i residui perchè i capelli altrimenti rimangono pieni di grumi di pappetta e di nodi…
  • Se avete capelli bianchi e volete tingerli di nero con l’henne, è necessario prima fare un impacco di henne rosso e subito dopo uno di henne nero. L’henne nero non tinge i capelli bianchi (o li tinge di indaco) e per evitare questo inconveniente serve fare il doppio impacco con l’henne rosso, che invece tinge immediatamente i capelli bianchi.
  • L’efficacia della colorazione non è uguale per tutti: varia in base alla quantità di henne usato, alla qualità della polvere e alla porosità del capello. L’unica cosa da fare è provare =)
  • Armatevi di calma e pazienza. L’henne fa davvero bene ai capelli, i miei sono letteralmente rinati, ma ha una preparazione ed una posa decisamente lunghe rispetto alle normali tinture chimiche. Fatelo in un giorno della settimana in cui potete rilassarvi e prendervi almeno mezza giornata per voi stesse! ^^

Differenze tra henne nero ed henne rosso:

  • L’henne nero ha bisogno di soli 20 minuti per ossidare, a differenza dell’henne rosso che necessita di almeno 12 ore di ossidazione. Per questo, è consigliabile preparare l’henne rosso almeno la sera prima di stenderlo, mentre l’henne nero può essere tranquillamente preparato poco prima della stesura.
  • Anche i tempi di posa differiscono: io con 3 ore di posa per l’henne nero riesco ad ottenere un colore intenso; il rosso, avendo più sfumature, varia di posa a seconda dell’intensità che si vuole ottenere: per un rosso irlandese bastano due ore, per un rosso più carico va almeno raddoppiato il tempo.

Questo è il risultato finale sui miei capelli:

7 Risposte to “Henne: come lo faccio io”

  1. bibi 25 maggio 2014 a 22:57 #

    ciao, io non ho capito che marca di indigo usi…

  2. Monica 2 ottobre 2013 a 18:55 #

    Ciao! Io ho i capelli già naturalmente neri (sono asiatica) e mi piacerebbe avere i riflessi blu che hai in queste foto… volevo sapere se i tuoi capelli naturali sono già di per sé neri o di un altro colore, giusto per orientarmi🙂

  3. Marisa Liolati 7 gennaio 2013 a 21:30 #

    Ciao.. complimenti per i bei capelli e la spiegazione ^^ ti volevo chiedere.. per i riflessi blu che hai ottenuto, c’è qualche particolare procedura? perchè mi sono documentata a lungo, ma ho scoperto che a molte ragazze che usano l’hennè nero indigo risultano soltanto neri, senza riflessi…
    Grazie in anticipo ^^

  4. gio 8 febbraio 2012 a 19:52 #

    Ciao io ho provato ad usarlo ma senza mettere il sale come che i riflessi sn risultati rossi invece che blu?!

    blu sn risultati sn da un lato mentre il resto era rosso O_O

  5. Eleonora 19 settembre 2011 a 01:55 #

    ciao scusami anche io uso l’indigo della tua stessa marca e sono bruna ma i capelli nn mi vengono come te come mai

    • Rhiannon910 29 dicembre 2011 a 19:01 #

      Non lo so… forse sbagli qualcosa? Metti anche tu il sale per rendere basico il composto?

  6. cris 22 dicembre 2010 a 19:09 #

    belli con questa luce sembrano corvini….dal vivo sono piu’ belli ancora….complimenti per la tenacia ..tenere con il freddo l’impacco tre ore non è da tutte….:) la costanza premia sempre..:D

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: